Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Palazzina Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Maria Novella
Ubicazione Lungarno degli Acciaiuoli 14
Denominazione Palazzina
Altre denominazioni Albergo Berchielli
Affacci chiasso Altoviti, borgo Santi Apostoli
Proprietà Berchielli.
Architetti - Ingegneri Ignoto/i.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Solomon Simeon, Hunt William Holmant, Rolland Romain.
Note storiche Si tratta di un edificio che presenta un fronte autonomo di tre assi su cinque piani, riconfigurato nell'Ottocento, che tuttavia è da intendersi come porzione di un più ampio complesso occupato da lungo tempo dall'albergo Berchielli, per il quale si veda anche al numero 54 rosso del lungarno e a borgo Santi Apostoli 21. Così Guido Carocci (nel suo Illustratore fiorentino) introduce all'immobile: "dal lato di Lungarno erano diverse piccole case appartenute in antico agli Altoviti. Più importante, storicamente era la casa che fa cantonata fra il Borgo e la Piazza Santi Apostoli che fu il Palagio degli Altoviti fino dal XIII secolo e conservò lungamente l'aspetto di palazzo merlato". Già al tempo di Guido Carocci l'edificio, completamente trasformato, era appunto occupato dalla pensione Berchielli, che in effetti vanta una fondazione che risalirebbe al 1890. Nei decenni immediatamente precedenti si può supporre che qui fossero appartamenti ammobiliati: più in particolare ipotizziamo che in un di questi, provvisto di studio, fosse alloggiato negli anni sessanta dell'Ottocento l'artista inglese Simeon Solomon e, subito dopo, l'amico William Holmant Hunt. Ancora oggi è qui l'ingresso all'albergo dal lato del lungarno. In prossimità di questo portale è una memoria, posta dal comitato per le tradizioni internazionali, che ricorda il soggiorno dello scrittore e critico d'arte Romain Rolland nel 1911.
Bibliografia
dettaglio
Illustratore fiorentino (1911) 1910, p. 47; Barfucci 1958, pp. 190-191; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, I, 1977, p. 23; Cesati 2005, I, p. 10; Invernizi 2007, I, p. 15, n. 1; Paolini 2013, pp. 70, 116.
Approfondimenti Nessun dato rilevato.
Documentazione fotografica albergo, lapide, comunità straniera (inglese, francese).
Risorse in rete Nessun dato rilevato.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 30/12/2008
Data ultima modifica 09/11/2014
Data ultimo sopralluogo 20/08/2013
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Archivio fotografico SBAP, Firenze: 11327, 11328, 11329, 11330, 11331, 11332, 11333 (vedute d'insieme di questo tratto del lungarno con il prospetto dell'edificio, 1950 circa).
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini