Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Residenza dell'Arte dei Beccai Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Maria Novella
Ubicazione Via Orsanmichele 4
Denominazione Residenza dell'Arte dei Beccai
Altre denominazioni Casa dei Beccai, palazzina Becchi, casa della Congregazione di CaritÓ, Accademia delle Arti del Disegno
Affacci vicolo di Ferro 4, piazza dei Tre Re
Proprietà Capitani di Orsanmichele, Arte dei Beccai, Arte dei Fabbricanti e Legnaioli, congregazione di San Giovanni Battista, Ente Comunale di Assistenza (E.C.A.), Comune di Firenze, Banco di Sicilia, demanio dello Stato.
Architetti - Ingegneri Paladini Giuseppe.
Pittori - Scultori - Decoratori Donatello (Donato de' Bardi, d.).
Uomini illustri Nessun dato rilevato.
Note storiche L'edificio, eretto nel Trecento su antiche case dei Macci, giÓ dei Capitani di Orsanmichele, fu residenza dell'Arte dei Beccai fino al 1534, quindi, dal 1583, sede dell'Arte dei Fabbricanti e Legnaioli. Nella parte verso la piazza dei Tre Re si trovava anche l'Ufficio del magistrato dell'OnestÓ. Nel 1772 venne destinato ai servizi delle Dogana e nel 1789 concesso alla Congregazione di San Giovanni Battista o di CaritÓ. A partire dagli anni quaranta del Novecento fu sede e proprietÓ dell'Ente Comunale di Assistenza (E.C.A.). Alla fine degli anni sessanta, trasferitosi giÓ da tempo l'ente in altra sede e acquistato l'immobile dal Banco di Sicilia, la residenza si trovava in condizioni di estremo degrado, come denunciato da alcune lettere di cittadini apparse su "La Nazione" (21 gennaio 1969, 24 gennaio 1969) e nonostante il progetto di recupero redatto dall'ingegnere Giuseppe Paladini. Il cantiere fu finalmente aperto nei primi anni settanta (una fotografia precedente all'intervento Ŕ in Palazzi 1972), e quindi l'edificio destinato ad accogliere la sede dell'Accademia dell'Arte del Disegno che tuttora ha qui sede. Il fronte si presenta nelle forme assunte nel corso del Quattrocento (sebbene le finestre siano state modificate posteriormente), con il piano nobile segnato da quattro finestre ad arco allineate su un semplice ricorso di pietra. In alto Ŕ uno scudo in pietra con il becco araldico proprio dell'Arte dei Beccai (e un altro si ripete sull'architrave della porta principale), a lungo reputato opera di Donatello (Garneri). Sempre sul fronte sono due scudi con il giglio di Firenze. Vicino alla porta secondaria sono invece i tre cerchi intrecciati propri dell'Accademia delle Arti del Disegno. L'edificio appare (come casa della Congregazione di CaritÓ) nell'elenco redatto nel 1901 dalla Direzione Generale delle AntichitÓ e Belle Arti, quale edificio monumentale da considerare patrimonio artistico nazionale.
Bibliografia
dettaglio
Fantozzi 1843, p. 106, n. 235; Illustratore fiorentino 1880, pp. 61-62; Bacciotti 1879-1886, III, 1886, p. 402; Passerini 1853, p. 67; Elenco 1902, p. 250; Passerini 1953, p. 67; Bacciotti 1879-1886, III, 1886, p. 402; Limburger 1910, n. 97; Garneri 1924, p. 38, n. VI; Palazzi 1972, pp. 50-51, n. 78; Firenze 1974, p. 101; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, II, 1977, p. 353; Zucconi 1995, p. 51, n. 49; Salvadori Guidi 1996, p. 68, n. 88; Adsi 2003, pp. 26-28; Firenze 2005, pp. 242-243.
Approfondimenti Nessun dato rilevato.
Documentazione fotografica Archivi Alinari, Firenze: ACA-F-045674-0000 (veduta d'insieme della facciata, 1920-1930); ACA-F-045675-0000 (particolare del portale, 1920-1930). Archivio fotografico SBAP, Firenze: 46141, 46142, 46143, 46144, 46145 (vedute d'insieme della facciata prima dell'intervento di restauro, 1969); 56453, 56453, 56453, 56453, 56453, 56453, 57956, 57957, 57958, 57959, 57960, 57961, 57962, 57963, 57964, 57965, 57966 (vedute del cantiere di restauro, 1971); 79414, 79415, 79416, 79417 (insieme e particolari della facciata dopo l'intervento di restauro, 1976); 109259, 109260, 109261, 109262, 109263, 109264, 109265, 109266, 109267, 110391, 110392, 110393, 110394 (lavori agli spazi interni e restauro del prospetto interno, 1981); 196300, 196301, 196302, 196304 (vedute del prospetto principale prese da varie angolazioni e altezze, 1998).
Risorse in rete Sull'edificio sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla voce Palazzi di Firenze su Wikipedia.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 15/08/2008
Data ultima modifica 14/07/2014
Data ultimo sopralluogo 19/08/2010
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags stemma civile.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 Claudio Paolini