Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Piazza Cesare Beccaria Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Croce / Viali
Ubicazione Piazza Cesare Beccaria
Denominazione Piazza Cesare Beccaria
Altre denominazioni Piazza di Porta alla Croce al Gorgo, piazza di porta di Sant'Ambrogio, piazza del Mercato delle Bestie, piazza del Mercato de' Bovi
Affacci .
Proprietà Comune di Firenze.
Architetti - Ingegneri Poggi Giuseppe, Roster Giacomo, di Nardo Paolo, Rossetti Fabio.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Sarti Strada Teresa.
Note storiche Si accede alla piazza da: via Vincenzo Gioberti, viale Giovanni Amendola, viale della Giovine Italia, borgo la Croce, via Alessandro Manzoni, viale Antonio Gramsci. L'attuale denominazione fu deliberata dalla giunta comunale il 25 novembre 1876 (inizialmente solo per la parte esterna alla porta), in ricordo del giurista e filosofo Cesare Bonesana marchese di Beccaria, andando a sostituire le precedenti, che recavano l'inevitabile riferimento alla porta cittadina che qui si trovava (porta alla Croce, porta alla Croce a Gorgo, porta di Sant'Ambrogio) ma anche al mercato che vi si teneva (piazza del Mercato delle Bestie, piazza del Mercato de' Bovi). La nuova titolazione a Cesare Beccaria, strenuo sostenitore dell'abolizione della pena di morte, trovava d'altra parte ragione nel fatto che il luogo era storicamente noto come deputato all'esecuzione delle condanne capitali. Rimandando alle schede relative agli edifici posti in fregio per ulteriori notizie sulla definizione della piazza, ricordiamo come questa sia da valutare nell'ambito del progetto di ingrandimento della città di Firenze redatto da Giuseppe Poggi nel 1865. Questo prevedeva che dalla piazza, in direzione dell'Arno, il viale proseguisse con due corsie distinte e divaricantesi, in modo da definire una forca (cioè i lotti ora occupati dall'Archivio di Stato e dalla caserma Antonio Baldissera delimitati da questa piazza, dai viali della Giovine Italia e Giovanni Amendola e dal lungarno Guglielmo Pecori Giraldi) da destinare a un grande parterre verde, con bagni pubblici e stabilimenti sportivi e ricreativi, ospitati in un edificio posto dal lato del lungarno a fare da quinta scenografica al grande spazio a giardino. In realtà, nel tentativo di risolvere la complessa questione della collocazione di una caserma di cavalleria prossima al centro della città, il comune optò nel 1881 per sacrificare la zona verde a favore dell'insediamento militare, cedendo gratuitamente all'Amministrazione Militare tutta la grande area tra il lungarno e piazza Cesare Beccaria (compreso quindi anche il lotto sul quale attualmente insiste d'Archivio di Stato), e ponendo le basi per la totale saturazione degli spazi come oggi si vede. Ciò determinò nel tempo la trasformazione di uno spazio che doveva essere verde, d'incontro e ricreativo, in uno spazio di rapidi passaggi, sia veicolari sia pedonali. Rimane comunque a documentare il progetto poggiano il disegno d'insieme della piazza e dei prospetti degli edifici posti in fregio, dato che, come in altre situazioni (si veda a piazza Giuseppe Poggi e a piazza della Libertà) la risoluzione del problema dell'organizzazione degli spazi interni fu delegata ad altri professionisti, in questo caso all'architetto Giacomo Roster. "Concepiti esattamente come quinte scenografiche e impaginati con gusto monumentale, i prospetti sulla piazza si caratterizzano per l'alto basamento, rivestito di pietra a bugnato, nel quale si aprono gli esercizi commerciali, e su cui si eleva un ordine gigante di semicolonne corinzie su piedistalli, che intelaia i due piani superiori. Fra le colonne, le finestre sono sottolineate dalla fascia marcapiano, mentre oltre la trabeazione una nuova balaustrata continua di coronamento nasconde il piano attico" (Rosamaria Martellacci). Per quanto riguarda i tempi recenti (e in stretta relazione con quanto accennato) si segnala come tra il 2002 e il 2004 la zona sia stata interessata dalla realizzazione di un parcheggio sotterraneo, per un totale di 205 posti auto organizzati su tre piani, su progetto degli architetti Paolo di Nardo e Fabio Rossetti, che parallelamente sono intervenuti anche nella parziale risistemazione dell'arredo della piazza. "Lateralmente e al centro dei viali di circonvallazione cha la tagliano a metà, la piazza presenta tre aree verdi (in precedenza quattro) attraversate da un percorso pedonale che passa sotto la Porta alla Croce; da diversi anni lo spazio verde ad est, opposto a quello che guarda verso il centro, è stato deformato e ridotto fino a far perdere quasi completamente l'elegante disegno ellittico; quello subito a nord del portale è stato, invece, asfaltato. Le aiuole rimaste a verde sono tenute a prato. Sul lato ovest l'11 settembre 2009 il Comune di Firenze, in ricordo di Teresa Sarti Strada, vi ha piantato un acero rosso. Sul lato opposto invece il disegno delle aiuole presenta alcuni alberi (tra cui un'alta magnolia) e cespugli" (dalla voce Piazza Beccaria su Wikipedia).
Bibliografia
dettaglio
Stradario 1913, p. 13, n. 80; Stradario 1929, p. 10, n. 98; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, I, 1977, pp. 109-110; Rosamaria Martellacci in Firenze 1992, p. 187, n. 143.
Approfondimenti Italo Castore, Antonio Fara, Giovanni Malanima, Michele Menduni, Piazza Beccaria: analisi storica, recupero spaziale, attraversamento sotterraneo veicolare ed un parcheggio interrato, in "Bollettino Ingegneri", XLII, 1995, 12, pp. 4-8; Antonio Fara, Giovanni Malanima, Michele Menduni, Recupero ambientale e funzionale del circuito dei viali di Giuseppe Poggi: una proposta organica, in "Bollettino Ingegneri", XLIV, 1997, 3, pp. 3- 8; Massimo de Vico Fallani, Piazza Beccaria, in Mario Bencivenni, Massimo de Vico Fallani, Giardini Pubblici a Firenze: dall'Ottocento a oggi, Firenze, Edifr, 1998, pp. 198-199; Massimo Ruffili, Giacomo Roster 1837-1905. Ingegnere architetto negli anni di Firenze Capitale, in "Bollettino Ingegneri", XLIV, 1998, 4, pp. 7-9; Renzo Manetti, in Una Capitale e il suo Architetto. Eventi politici e sociali, urbanistici e architettonici: Firenze e l'opera di Giuseppe Poggi, catalogo della mostra (Firenze, Archivio di Stato, 3 febbraio-6 giugno 2015) a cura di Loredana Maccabruni e Piero Marchi, Firenze, Polistampa, 2015, pp. 181-183; Mario Bencivenni, I viali circondari, in Una Capitale e il suo Architetto. Eventi politici e sociali, urbanistici e architettonici: Firenze e l'opera di Giuseppe Poggi, catalogo della mostra (Firenze, Archivio di Stato, 3 febbraio-6 giugno 2015) a cura di Loredana Maccabruni e Piero Marchi, Firenze, Polistampa, 2015, pp. 226-233.
Documentazione fotografica toponomastica, stradario (piazza).
Risorse in rete Sulla piazza sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla voce Piazza Beccaria su Wikipedia e dallo Stradario storico amministrativo del Comune di Firenze disponibile online.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 30/07/2013
Data ultima modifica 27/09/2015
Data ultimo sopralluogo 04/08/2013
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Campo in corso di revisione.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini