Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Palazzo dell'albergo degli Orafi Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Maria Novella
Ubicazione Lungarno degli Archibusieri 4
Denominazione Palazzo dell'albergo degli Orafi
Altre denominazioni Torre degli Importuni, pensione Quisisana, Hotel degli Orafi
Affacci via dei Georgofili
Proprietà Importuni, Fabbroni, Brini Batacchi.
Architetti - Ingegneri Ignoto/i.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Forster Edward Morgan, Ivory James.
Note storiche L'edificio ingloba un'antica torre, presumibilmente da identificare con una proprietà della consorteria degli Importuni che in questa zona aveva le proprie case. Distrutta dai ghibellini nel 1260 fu ricostruita successivamente: di questo periodo si conserva una porzione di parete dipinta con uccelli e il motivo del vaio. Nel 1515 l'edificio fu acquisito dagli Agostiniani che in quegli anni si erano insediati nella vicina chiesa di Santo Stefano al Ponte e che continuarono ad amministrare la proprietà fino al 1783. Nell'Ottocento l'edificio fu occupato dalla pensione Quisisana, frequentata da intellettuali e artisti, soprattutto anglosassoni. Anche nel corso del Novecento la pensione mantenne pressoché invariato il carattere avuto nel secolo precedente, tanto da essere scelto, nel 1985, dal regista James Ivory per ambientarvi alcune scene della versione cinematografica del romanzo di Edward Morgan Forster A Room with a View (Camera con vista), per il quale si veda all'Hotel Jennings Riccioli in Lungarno delle Grazie 2. La struttura fu lesionata il 27 maggio 1993 dall'esplosione della bomba dell'attentato di via dei Georgofili, tanto da indurre i gestori, i signori Nutini, a chiudere l'attività. Attualmente il palazzo - dopo essere stato interessato dai necessari lavori di restauro e essere stato oggetto di una radicale ristrutturazione - è occupato dall'Hotel degli Orafi. Esternamente l'edificio guarda al lungarno degli Archibusieri con un ampio fronte che si estende per cinque assi su cinque piani e ancora prosegue sopra l'arcata che sovrasta via dei Georgofili per altri due assi su tre piani. Su quello che era il portone principale di accesso è uno scudo con una variante dell'arme della famiglia Fabbroni (d'azzurro, alla banda d'oro caricata di tre martelli di nero, posti nel senso della pezza, il tutto sormontato da uno scudetto rotondo del Popolo fiorentino).
Bibliografia
dettaglio
Paolini 2013, p. 56.
Approfondimenti Leandro Cavalensi, L'Hotel degli Orafi. Storia ed eventi dalle origini all'Ottocento, edizione PDF.
Documentazione fotografica albergo, stemma familiare, comunità straniera (inglese).
Risorse in rete Sull'edificio sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dal sito ufficiale dell'Hotel.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 05/03/2011
Data ultima modifica 14/07/2014
Data ultimo sopralluogo 10/05/2010
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Archivi Alinari, Firenze: CAL-F-003041-0000 (panoramica del corridoio Vasariano nel tratto del lungarno con la veduta della porzione emergente dell'edificio, 1997).
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini