Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Torre de' Galigai Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Croce
Ubicazione Via de' Cerchi 9
Denominazione Torre de' Galigai
Altre denominazioni .
Affacci via dei Tavolini 1r
Proprietà Galigai, Giugni.
Architetti - Ingegneri Ignoto/i.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Dante Alighieri.
Note storiche Era qui, a determinare la cantonata tra le due strade, una delle torri dell'antica famiglia dei Galigai (investita del cavalierato da Carlo Magno), che aveva nel XIII secolo varie proprietà attorno alla chiesa di San Michele Vecchio (attuale San Carlo) e, in particolare, oltre a questa, un'altra torre sempre in via dei Cerchi (11r) e una in via dei Cimatori (10), per le quali si veda alla relative schede. La nostra passò in proprietà nel Trecento alla famiglia Giugni (che faceva parte della consorteria), la quale ai primi del Cinquecento acquisì anche quella di via dei Cimatori, poi pervenuta ai Mazzinghi. Attualmente la torre, scapitozzata, mostra nella parte inferiore dei due fronti il paramento a 'pietra accapezzata', mentre gli ultimi due piani appaiono intonacati. Il terreno è segnato da due grandi aperture in parte tamponate. Sempre al piano terreno, in prossimità del canto, è una lapide dantesca (collocata fra il 1900 e il 1907 d'iniziativa del Comune a cura di una commissione della quale faceva parte Guido Carocci) che riproduce l'arme dei Galigai e che ricorda come questi avessero già ricevuto le insegne di cavalieri al tempo di Cacciaguida.
Bibliografia
dettaglio
Illustratore fiorentino 1880, pp. 47-51; Carocci 1897, p. 145; Illustratore fiorentino (1910) 1909, p. 30; Limburger 1910, n. 273; Palazzi 1972, p. 52, n. 81; Bargellini-Guarnieri 1973, p. 60; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, I, 1977, p. 235; IV, 1978, p. 158; Macci-Orgera 1994, p. 77; Mercanti-Straffi 2003, pp. 100-101; Cesati 2005, I, p. 158; Paolini 2009, pp. 114-115, n. 135.
Approfondimenti Amerigo Parrini, Le epigrafi dantesche di Firenze, Firenze, Giulio Giannini e Figlio Editori, 1928, pp. 171-173.
Documentazione fotografica Campo in corso di revisione.
Risorse in rete Nessun dato rilevato.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 15/08/2008
Data ultima modifica 02/04/2016
Data ultimo sopralluogo 02/11/2009
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags torre, lapide, stemma familiare.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini