Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Torre de' Barbadori Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santo Spirito
Ubicazione Borgo San Jacopo 54r
Denominazione Torre de' Barbadori
Altre denominazioni Torre de' Ridolfi, palazzo Folli
Affacci piazzetta degli Angiolieri
Proprietà Barbadori, Ridolfi di Piazza, Malesci, Folli.
Architetti - Ingegneri Zumkeller Luigi, Baldacci Giuseppe.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Nessun dato rilevato.
Note storiche La torre era in origine dei Barbadori e la sua erezione viene fatta risalire al XII secolo. Nel corso del tempo la proprietà passò ai Ridolfi di Piazza e quindi fu inglobata in una casa che, stando alle denominazioni riportate nella letteratura consultata, era a sua volta stata di proprietà Malesci e, agli inizi del Novecento, Folli. Restaurata nel 1929 dall'architetto Luigi Zumkeller coadiuvato dall'architetto Giuseppe Baldacci (con l'asportazione degli intonaci e dei rimpelli che interessavano la facciata), fu danneggiata dalle mine fatte esplodere dalle truppe tedesche in ritirata durante la seconda guerra mondiale, quindi nuovamente restaurata con ampie integrazioni e, isolata su tre lati, inserita fra gli edifici moderni. Nonostante tali vicissitudini è ancora oggi segnalata tra le fabbriche medioevali meglio conservate della città. Presenta al piano terreno che guarda a borgo San Jacopo un portale sormontato da un arco ribassato, sopra il quale si apre quello che doveva essere il principale accesso, cioè un portale sormontato da un arco acuto al quale si accedeva mediante una scala in legno. I primi piani sono caratterizzati dalla presenza di solide bozze di pietra squadrata e da tre file di buche pontaie. Ai piani superiori, con filaretto di pietre a vista, si trovano alcune finestre di forma e dimensione diversa, frutto di modifiche più tarde volte a dare maggiore luce agli ambienti interni. Accanto alla torre si apre la piccola piazzetta degli Angiolieri dalla quale si gode la vista laterale del Ponte Vecchio, tenuta con grande cura, meta quotidiana di turisti in cerca di una foto ricordo.
Bibliografia
dettaglio
Fantozzi 1843, p. 238, n. 594; Limburger 1910, n. 606; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, II, 1977, p. 95; Cresti-Zangheri 1978, p. 12; Macci-Orgera 1994, pp. 171-173; Cesati 2005, II, p. 587; Firenze 2005, p. 444.
Approfondimenti La via borgo San Jacopo a Firenze. Almanacco storico illustrato per l'anno 1931, Firenze, Stamperia Giannini, 1930; Guido Licciardi, Luigi Zumkeller: gareggiate a medievalizzare Firenze, sarete premiati! Il cofinanziamento pubblico privato per i restauri nella Firenze d'Inizio Novecento, in "Ananke", 2006, 47, pp. 34-42; Pierluigi Di Baccio, La 'cattura ideologica della storia': il fascismo e l'immagine medieval-rinascimentale di Firenze, in Il ritorno all'ordine. 1938: l'immagine di Firenze per la visita del Führer, Firenze, Archivio Storico del Comune di Firenze, 2012.
Documentazione fotografica Campo in corso di revisione.
Risorse in rete Sull'edificio sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla voce Palazzi di Firenze su Wikipedia.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 25/10/2008
Data ultima modifica 20/09/2015
Data ultimo sopralluogo 17/02/2011
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Campo in corso di revisione.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini