Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Monumento a Dante Alighieri Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Croce
Ubicazione Piazza di Santa Croce
Denominazione Monumento a Dante Alighieri
Altre denominazioni .
Affacci .
Proprietà Comune di Firenze.
Architetti - Ingegneri De Fabris Emilio, Del Sarto Luigi, Zalaffi Ezio.
Pittori - Scultori - Decoratori Pazzi Enrico.
Uomini illustri Alighieri Dante.
Note storiche La scultura, in marmo bianco di Carrara, raffigura Dante Alighieri eretto e dall'espressione severa, il capo incoronato d'alloro, mentre sorregge con la mano destra la Divina Commedia e ha vicino un'aquila con le ali semichiuse. Il basamento, con riquadri in marmo rosso di Verona e una iscrizione dedicatoria datata 1865, presenta agli angoli quattro marzocchi che reggono con la zampa scudi sui quali sono incisi i titoli della altre opere del Poeta. Lo zoccolo, in bardiglio, è circondato da bassorilievi rappresentanti gli stemmi di quaranta città. Il monumento, opera di Enrico Pazzi, ebbe complessa gestazione. Sappiamo dell'esposizione del bozzetto fin dal 1856, anni nei quali l'atteggiamento di sdegno attribuito al volto del Poeta aveva chiaro riferimento alla servitù dell'Italia nei confronti della dominazione straniera. Nel 1857 si costituì - guardando più che al valore artistico dell'opera ai valori patriottici che questa esprimeva - un Comitato nazionale che avviò una sottoscrizione pubblica per la realizzazione del monumento, con lo scopo di farne dono al Comune di Firenze affinché fosse collocato in una pubblica piazza, come "espiazione dell'esilio dato al grande poeta dai suoi cittadini". Raccolta la somma (tra i sottoscrittori Giuseppe Verdi, Alessandro Manzoni, Bettino Ricasoli e Giosue Carducci) ed eseguita la statua, il consiglio comunale, dopo una prima ipotesi che l'avrebbe vista collocare in piazza Vecchia di Santa Maria Novella (attuale piazza dell'Unità Italiana), deliberò di collocarla al centro della piazza di Santa Croce, in rapporto diretto con la basilica, Pantheon delle glorie italiane. Lo stesso municipio fiorentino si fece carico delle spese relative al complesso basamento, realizzato su progetto di Emilio De Fabris con la collaborazione dell'architetto Luigi Del Sarto. La scultura fu inaugurata con grande concorso di folla e alla presenza del re Vittorio Emanuele II il 14 maggio 1865, in occasione del sesto centenario della nascita del Poeta - coincidente con il primo anno di Firenze Capitale (1865-1871) - nell'ambito di un nutrito programma di eventi volti a celebrare l'Alighieri. Nel 1921 (come peraltro risulta da un disegno conservato presso l'Archivio storico del Comune di Firenze) si data un progetto di Ezio Zalaffi che, in occasione del sesto centenario della morte del Poeta, previde la sistemazione a prato della piazza, con quattro grandi aiuole a fare da cornice al monumento, contornato da cipressetti in memoria dei fiorentini caduti in guerra e decorati di medaglia d'oro al Valor Militare. Ai primi anni sessanta risale poi la realizzazione di nuove panche e di nuovi paracarri a delimitare le carreggiate dalla zona interna della piazza, a riprendere una sistemazione voluta nel Settecento da Pietro Leopoldo di Lorena. Attorno al 1964, rimossi da tempo i cipressi, la piazza fu adibita a parcheggio di autoveicoli, suscitando varie critiche che portarono a definire da parte del Comune una ipotesi di trasferimento del monumento in altro luogo per restituire la piazza a cerimonie e feste pubbliche, compreso il gioco del calcio storico. Nel 1966, in occasione dell'alluvione del 4 novembre, il monumento subì vari guasti e l'amministrazione comunale procedette decisamente alla sua rimozione (28 maggio 1968) trasferendo provvisoriamente gli elementi nel giardino del vicino Bardi Serzelli, annunciandone parallelamente sia il restauro sia la sua nuova collocazione in angolo alla facciata della chiesa, dove tuttora si trova. A fronte di tale scelta nel 1969 si costituì un comitato internazionale per la ricollocazione del monumento "dove era e come era", variamente sostenuto dalla stampa e dall'opinione pubblica (si veda il molto materiale raccolto nel Libro bianco del 1970). Nonostante l'acceso dibattito, in parte sollevato dagli stessi frati francescani contrari alla nuova sistemazione, la scultura fu in effetti rimontata dove ora si trova nel 1971. Lo spostamento, tuttavia, consentì di tornare a utilizzare la piazza per il tradizionale calcio in costume e di avviare un processo di riqualificazione di tutto lo spazio. In particolare fu eliminato il parcheggio, in modo da recuperare la piazza come luogo d'incontri sociali e manifestazioni pubbliche. Nel 2011 la statua di Dante Alighieri è stata oggetto di un ulteriore restauro (operatore Ram, Restauri Artistici Monumentali, direzione dei lavori Marzia Cantini) attuato nell'ambito del progetto "I luoghi della Memoria", promosso dalla presidenza del consiglio dei ministri nell'ambito delle manifestazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia. Il monumento è stato fatto oggetto di una scheda conservativa e di rilevazione tecnica redatta da Agnese Amore nell'ambito della fase di progetto del Master in Conservazione e Restauro 2014 promosso dall'Associazione per l'Arte e il Restauro Palazzo Spinelli.
Bibliografia
dettaglio
Burci 1875, p. 91; Garneri 1924, pp. 166-167, n. XLIV; Firenze 1974, p. 185; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, III, 1978, pp. 325-327; Cesati (Piazze) 2005, pp. 212-213; Firenze 2005, p. 399. Campo in corso di revisione.
Approfondimenti Bonaventura Bellomo, Della festa nazionale per il sesto Centenario della nascita di Dante Alighieri, Firenze, Cellini, 1864; Programma per la festa nazionale del sesto centenario di Dante Aligheri che dovrà aver luogo in Firenze dal 14 al 21 maggio 1865, Firenze, Cellini, 1864; Oreste Raggi, Di un nuovo monumento a Dante Alighieri. Lettera, Milano, Redaelli, 1864; Oreste Raggi, Di una nuova ingiuria a Dante Alighieri. Lettera 2a, Milano, Redaelli, 1864; Giornale del centenario di Dante Alighieri celebrato in Firenze nei giorni 14, 15 e 16 maggio 1865, Firenze, Cellini, 1864/1865 (50 numeri); Guida officiale per le feste del centenario di Dante, Firenze, Cellini, 1865; Per l'erezione del monumento di Dante Alighieri nel sesto centenario, Adria, Vianello, 1865; Programma per la celebrazione del sesto centenario di Dante Alighieri nei giorni 14, 15 e 16 maggio 1865 in Firenze, Rovigo, Minelli, 1865 (edizione fuori commercio); Giambattista Giuliani, Nel solenne scoprimento della statua consacrata in Firenze a Dante Alighieri il 14 maggio 1865. Discorso d'inaugurazione, Firenze, Le Monnier, 1865; Oreste Raggi, Della statua a Dante Alighieri inalzata in Firenze il XIV maggio 1865. Storia curiosa e genuina, con documenti, Modena, Zanichelli, 1865; Comitato Internazionale per il ripristino del Monumento a Dante Alighieri, Libro bianco per il monumento a Dante, Firenze, tipografia l'Artigiano, 1970; Antonio P. Torresi, Scultori dell'Accademia. Dizionario biografico di maestri, allievi e soci dell'Accademia di Belle Arti a Firenze (1750-1915), Ferrara, Liberty House, 2000, p. 101; Anne O'Brien, Il monumento a Dante: storia di influssi internazionali, in "Città di Vita", LVII, 2002, 6, pp. 509-520; Silvia Paccassoni, L'impresa di Enrico Pazzi 'statuario': un monumento per Santa Croce, in "Romagna Arte e Storia", XXV, 2005, 74, pp. 53-62; Marzia Cantini, Monumento a Dante Alighieri, in I luoghi della memoria, Roma, Ministero per i Beni e le Attività Culturali, 2012, pp. 199-205; Claudio Paolini, Monumenti celebrativi nella Firenze postunitaria, Firenze, Polistampa, 2015, pp. 38-42 (Monumento a Dante Alighieri).
Documentazione fotografica monumento, scultura.
Risorse in rete Sul monumento sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla voce Basilica di Santa Croce su Wikipedia.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 26/12/2013
Data ultima modifica 13/12/2015
Data ultimo sopralluogo 21/08/2013
Autore della scheda Claudio Paolini, con la collaborazione di Agnese Amore.
Tags Archivi Alinari, Firenze: FBQ-A-006269-0100 (veduta della piazza in occasione dell'inaugurazione del monumento, 14 maggio 1865); AVQ-A-002636-0027 (veduta della piazza in occasione dei festeggiamenti seguiti all'inaugurazione del monumento, 15 maggio 1865); AVQ-A-000092-0020, AVQ-A-000039-0037 (vedute d'insieme della piazza verso la basilica con il monumento, 1870 circa); MFC-F-002278-0000, PDC-F-000082-0000 (vedute d'insieme della piazza verso la basilica con il monumento, 1880-1890 circa); ACA-F-002522-0000 (il monumento, 1980 circa); BGA-F-003033-0000, ACA-F-002068-0000, ADA-F-007604-0000 (vedute d'insieme della piazza verso la basilica con il monumento, 1890 circa); FCC-F-010499-0000 (veduta d'insieme della piazza verso la basilica con il monumento, 1900 circa); MAA-F-001375-0000 (veduta d'insieme della piazza verso palazzo Cocchi Serristori con il monumento, 1900 circa); MAA-F-001113-0000 (veduta d'insieme della piazza verso la basilica con il monumento, 1905 circa); BGA-F-002033-0000 (veduta d'insieme della piazza verso la basilica con il monumento, 1920-1930 circa); MAA-F-001375-0000 (veduta della piazza con il monumento durante la visita del Fuhrer a Firenze, 9 maggio 1938). Archivi Scala, Bagno a Ripoli (Firenze): BO22952, BO22997 (veduta della piazza verso la basilica con il monumento, 1890 circa); 0154018 (il monumento); 0154019, 0154020 (particolari del monumento). Archivio Foto Locchi, Firenze: 515, 516, 517, 518, 519, 520, 521, 522 (insiemi e particolari del monumento dopo il restauro del 2011, 2011).
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini