Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Edificio giÓ del teatro della Quarconia Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Croce
Ubicazione Via dei Cimatori 4- 6- 8
Denominazione Edificio giÓ del teatro della Quarconia
Altre denominazioni Teatro del Giglio, Regio teatro Leopoldo, teatro Nazionale, teatro varietÓ Olimpia
Affacci via de' Cerchi, via del Canto alla Quarconia
Proprietà Cerchi, Giugni, Cambiagi, Lucherini, Ducci, Gemmi, Morini, Castellani.
Architetti - Ingegneri Del Rosso Giuseppe, Veneziani Luigi, Bellini Vittorio.
Pittori - Scultori - Decoratori Gherardini Alessandro.
Uomini illustri Nessun dato rilevato.
Note storiche In origine erano qui, come in buona parte di quest'area, case e torri di proprietÓ della famiglia de' Cerchi, e precisamente di quelli che si dissero Cerchi Bianchi (si veda alla torre di via de' Cerchi 20r, inglobata nel nostro edificio). Durante la lotta delle fazioni questi beni furono confiscati e venduti pervenendo, dopo vari passaggi di proprietÓ, nel 1454, ai Giugni. Nel 1659 (secondo Passerini nel 1667, poi acquistato nel 1677) il sacerdote Filippo Franci dell'oratorio di San Firenze vi ottenne i locali per la Pia Casa dei Monellini, che precedentemente aveva sede nell'ospizio di San Sebastiano de' Bini e che successivamente sarebbe stata trasferita in via delle Casine (1786). Nel 1787, oramai allontanatasi la Pia Casa, la famiglia Cambiagi ricav˛ in questi e in altri locali attigui un piccolo locale per spettacoli, detto teatro della Quarconia. Restaurato nel 1815 dall'architetto Giuseppe Del Rosso, quindi ampliato nel 1826 dall'ingegnere Luigi Veneziani e ribattezzato teatro del Giglio, il locale conobbe una notevole fama soprattutto in ragione delle recite di Stenterello, e venne successivamente ulteriormente abbellito su progetto dell'architetto Vittorio Bellini nel 1841 a spese di Angelo Lucherini, e in questa stessa data intitolato a Leopoldo II. "Questo nuovo teatro ha 95 palchetti repartiti in 5 ordini e contiene circa 1100 spettatori. La sua platea nel maggior diametro Ŕ larga braccia 18 e lunga 25 compresa l'orchestra, il palco scenico Ŕ profondo braccia 32" (Firenze 1850). Nel 1851 il teatro pass˛ di proprietÓ ai fratelli Ducci che lo restaurarono. La denominazione di Teatro Nazionale Ŕ ovviamente da datarsi agli anni di Firenze Capitale (1865-1871), periodo nel quale l'esercizio mantenne la propria attivitÓ. Dal 1926 il locale fu destinato esclusivamente a spettacoli cinematografici per essere chiuso per non agibilitÓ rispetto alla normativa nel 1985. A segnare l'ingresso originario del teatro e quindi del Cinema Teatro Nazionale Ŕ ancora oggi una tettoia in ferro e vetro (in pessime condizioni). Sull'angolo con via de' Cerchi Ŕ un tabernacolo (noto come tabernacolo della Quarconia) con un affresco attribuito ad Alessandro Gherardini databile tra la fine del Seicento e gli inizi del secolo successivo (restaurato nel 1955 dal Comitato per l'estetica cittadina e quindi nel 1993 dalla ditta P.T. Color per le cure di Ifigest Fiduciaria) con la raffigurazione di San Filippo Neri che presenta e raccomanda alla Madonna tre 'monellini', ovviamente da riferire agli anni di presenza nell'edificio della Pia Casa. Da notare come la lanterna dell'edicola sia spostata sul quadrivio a servire anche da illuminazione pubblica. Vedi anche ai nn. 6r-14r.
Bibliografia
dettaglio
Fantozzi 1842, pp. 306-307, n. 94; Fantozzi 1843, pp. 117-118, n. 264; Firenze 1850, pp. 199-200; Passerini 1853, pp. 602-623; Illustratore fiorentino 1880, pp. 67-68; Bacciotti 1879-1886, III, 1886, pp. 138-139; Bigazzi 1886, p. 230; Limburger 1910, n. 495; Illustratore fiorentino (1914) 1913, p. 16; Garneri 1924, pp. 262-263, n. LXX; Palazzi 1972, p. 43, n. 64; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, I, 1977, pp. 187-188, 248-249; Cresti-Zangheri 1978, pp. 23, 81; Ciabani 1984, pp. 192-194; Santi 2002, pp. 44-45; Cesati 2005, I, pp. 119, 171; Firenze 2005, p. 195; Paolini 2009, pp. 117-118, n. 140.
Approfondimenti Marco Lastri, Casa Pia di poveri fanciulli detta Quarconia, in L'Osservatore fiorentino sugli edifizi della sua Patria, quarta edizione eseguita sopra quella del 1821 con aumenti e correzioni del Sig. Cav. Prof. Giuseppe Del Rosso, Firenze, Giuseppe Celli, 1831, VIII, pp. 48-50; Domenico Valeriani, Alcuni cenni sull'I. e R. Teatro Leopoldo, Firenze, Tipografia Granducale, 1841; Arnaldo Cocchi, Consolatrix Afflictorum. Tabernacolo in via dei Cimatori sul canto di via dei Cerchi, in Notizie storiche intorno antiche immagini di Nostra Donna che hanno culto in Firenze, Firenze, Giuseppe Pellas Editore, 1894, pp. 133-134; Achille De Rubertis, Per la storia dei teatri fiorentini. Il Teatro Nazionale, Firenze, Arti grafiche Ricci, 1926; Pietro Roselli, Giuseppina Carla Romby, Osanna Fantozzi Micali, I teatri di Firenze, Firenze, Bonechi, 1978, pp. 197-205; Maria Di Benedetto, Regesto dei 'restauri' progettati ed eseguiti da Giuseppe Del Rosso, in Dalla 'libreriola' dell'architetto fiorentino Giuseppe Del Rosso, catalogo della mostra (Firenze, Biblioteca Riccardiana, 3 giugno-3 agosto 1983) a cura di Giuliana Alessandri Stoppini, Firenze, Centro Di, 1983, pp. 54-56; Valeria Orgera, Recupero della torre dei Cerchi e del teatro Nazionale a Firenze, in "Firenze Architettura", 1992, 2, pp. 28-31; Maria Alberti, Cinema Teatro Nazionale, in I teatri storici della Toscana, censimento documentario e architettonico a cura di Elvira Garbero Zorzi e Luigi Zangheri, Venezia, Marsilio, 2000, pp. 207-218.
Documentazione fotografica teatro, cinema, tabernacolo.
Risorse in rete Sull'edificio sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla voce Teatri di Firenze su Wikipedia.
Codice SBAPSAE FI0568
ID univoco regionale 90480170699
Data creazione 15/08/2008
Data ultima modifica 14/01/2017
Data ultimo sopralluogo 02/11/2009
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Campo in corso di revisione.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini