Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Via San Gallo Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere San Giovanni
Ubicazione Via San Gallo
Denominazione Via San Gallo
Altre denominazioni Croce di Via
Affacci .
Proprietà Comune di Firenze.
Architetti - Ingegneri Ignoto/i.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Nessun dato rilevato.
Note storiche La strada corre, in continuazione con via de' Ginori, da via Guelfa fino alla piazza della Libertà. Lungo il tracciato si innestano: via Ventisette Aprile e via degli Arazzieri (canto de' Preti), via delle Ruote, via di Camporeggi, via Bonifacio Lupi e via Salvestrina, via Duca d'Aosta e via Sant'Anna, via delle Mantellate. La denominazione è attestata dagli inizi del Duecento, cioè dal periodo nel quale, al di fuori dell'omonima porta, era sorto lo spedale e il convento intitolato a San Gallo, poi atterrato per necessità militari in occasione dell'assedio del 1529-1530. Da questo complesso (dove sarebbero stati ospitati i primi francescani giunti a Firenze) prese il nome sia la porta dell'ultima cerchia di mura cittadine posta in questo luogo (oggi isolata al centro della piazza della Libertà) sia la nostra strada, tracciata comunque ben più in antico, identificandosi con il cardo della Florenzia romana verso nord. Come è verificabile per tutte le principali arteria di penetrazione verso la città (ma in questo caso in modi ancor più accentuato), lungo il tracciato i terreni furono per lo più lottizzati da religiosi, con la conseguente costruzione di conventi, chiese, oratori, sedi di confraternite e di congregazioni, spedali e ospizi, nel tempo in buona parte soppressi e destinati ad altri usi (per lo più caserme e scuole) ma che ancora oggi segnano in modo inequivocabile la strada. Si segnala la denominazione di canto Croce di Via attribuita all'angolo tra via San Gallo e via Salvestrina, in ricordo del convento di Santa Maria della Croce di Via, inglobato nel palazzo Pandolfini, e quello di canto alla Pace (detto anche di Santa Caterina) all'angolo con via delle Ruote.
Bibliografia
dettaglio
Stradario 1913, p. 55, n. 390; Stradario 1929, p. 47, n. 425; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, II, 1977, pp. 13-20; Ciabani 1984, pp. 134-135, 152-153, 158-159.
Approfondimenti Nessun dato rilevato.
Documentazione fotografica toponomastica, stradario (via, canto).
Risorse in rete Sulla via sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla voce Via San Gallo su Wikipedia e dallo Stradario storico amministrativo del Comune di Firenze disponibile online.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 18/11/2013
Data ultima modifica 31/12/2016
Data ultimo sopralluogo 21/08/2013
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Campo in corso di revisione.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini