Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Palazzo Pucci Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere San Giovanni
Ubicazione Via San Gallo 33- 35
Denominazione Palazzo Pucci
Altre denominazioni Palazzo Le Monnier
Affacci .
Proprietà Pucci, Bossi Pucci, Le Monnier.
Architetti - Ingegneri Marcellini Carlo Andrea.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Melani Domenico, Le Monnier Felice, De Robertis Giuseppe.
Note storiche Il palazzo risulta costruito nel 1775 sul luogo dove si trovava, dal 1506, un edificio di una compagnia della Purificazione, dal 1686 ostello per i pellegrini noto con il nome di ospizio del Melani (dal nome del musicista fiorentino Domenico Melani che ne aveva finanziato l'erezione affidandola all'architetto Carlo Marcellini), soppresso nel 1773. Successivamente l'edificio fu ridotto a civile abitazione che, negli anni di Federico Fantozzi, era proprietÓ dei Pucci. Nel 1861 venne acquistato da Felice Le Monnier, tipografo editore francese, che ne fece la sede della sua casa editrice eleggendo Firenze a sua seconda Patria. A questo periodo risale una generale riconfigurazione della facciata, soprattutto per quanto riguarda il primo piano, contrassegnato da un finto bugnato. Qui ebbe sede per circa ottant'anni la Libreria Le Monnier, aperta nel 1926 e chiusa nell'aprile del 2007. Negli ambienti destinati a civili abitazioni abit˛ dal 1945 sino alla morte nel 1963 il critico letterario e professore di letteratura italiana presso l'UniversitÓ di Firenze Giuseppe De Robertis. Attualmente l'edificio ospita un residence e alcuni edifici commerciali. Uno di questi ambienti, ora ristorante, con volta affrescata, ospitava un piccolo teatro. Sul fronte Ŕ una lapide con il ritratto di Felice Le Monnier, posta nel 1909, che ricorda il "maestro nell'arte tipografica" a venticinque anni dalla morte. Sempre a Felice Le Monnier allude lo scudo posto al centro della facciata sul balcone del primo piano. Per quanto concerne gli interni si segnala l'ampio vano di ingresso dove si trova lo scalone monumentale, nobilitato da urne classicheggianti, statue in finto marmo entro nicchie e due busti.
Bibliografia
dettaglio
Fantozzi 1842, pp. 447-448; Fantozzi 1843, pp. 83-84, n. 173; Firenze 1850, p. 259; Passerini 1853, pp. 123-125; Limburger 1910, n. 588; Garneri 1924, p. 235, n. XLVI; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, II, 1977, pp. 15-16; Cesati 2005, II, p. 580; Invernizi 2007, II, p. 421, n. 376; Cecconi 2009, p. 90.
Approfondimenti Circolo Piero Gobetti, Firenze: percorsi risorgimentali, a cura di Silvestra Bietoletti e Adalberto Scarlino, Firenze, Lucio Pugliese Editore, 2005, p. 26.
Documentazione fotografica teatro, libreria, lapide, stemma familiare.
Risorse in rete Sull'edificio sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla voce Palazzi di Firenze su Wikipedia.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 11/12/2008
Data ultima modifica 04/10/2015
Data ultimo sopralluogo 10/12/2009
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Campo in corso di revisione.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini