Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Complesso di Santa Teresa Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Croce (Mattonaia)
Ubicazione Via della Mattonaia 6
Denominazione Complesso di Santa Teresa
Altre denominazioni Monastero di Santa Teresa, carcere di Santa Teresa
Affacci borgo la Croce 30
Proprietà demanio dello Stato.
Architetti - Ingegneri Coccapani Giovanni.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Nessun dato rilevato.
Note storiche Il complesso si presenta come un insieme di caseggiati che prospettano sulla via con rade finestre intervallate da ampie muraglie, con un unico ingresso da via della Mattonaia. Era questo in origine un monastero femminile delle carmelitano scalze intitolato a Santa Teresa d'Avila, fondato nei primi decenni del Seicento - grazie alle elargizioni di donna Francesca Guardi - in un'area dove si estendevano orti e terre lavorate e costruito su progetto dell'architetto Giovanni Coccapani. La data di avvio dei lavori del complesso è indicata da Filippo Baldinucci al 24 ottobre del 1628, mentre Giuseppe Richa documenta la posa della prima pietra della chiesa al 7 maggio del 1633. Nella stessa chiesa, nel 1731, fu sepolta Violante di Baviera principessa di Toscana. Inoltre, come ricorda una lapide posta in prossimità del portone, qui dimorò per cinque anni, dal 1765 al 1770, Santa Teresa Margherita Redi che, come "un fiore del Carmelo imitante il candore del giglio", vi morì a soli 23 anni. Soppresso il monastero una prima volta nel 1808, quindi ripristinato nel 1816 per essere definitivamente soppresso nel 1865, fu inizialmente utilizzato (ancora retto dalle monache) per ospitare i molti che, a seguito del terremoto immobiliare determinato del trasferimento della Capitale a Firenze (1865-1871), erano stati sfrattati dalle proprie abitazioni. Nel 1866 il complesso fu adattato a carcere preventivo provvisorio e infine divenne penitenziario per condannati a lunghi periodi di detenzione. Nel 1875 sono documentati lavori di ampliamento. Danneggiato gravemente dall'alluvione del 4 novembre 1966, fu restaurato. A seguito della costruzione dei nuovi stabilimenti carcerari a Sollicciano (concorso appalto del 1974) si posero le premesse per il passaggio di questo e degli altri immobili adibiti a carceri presenti nella zona (Santa Verdiana e Murate) al Comune di Firenze, e del loro conseguente recupero nell'ambito di un più ampio progetto di riqualificazione del quartiere di Santa Croce. Nel 1986 fu così bandito un concorso internazionale di idee i cui esiti furono esemplificati in una mostra tenuta nel complesso di Santa Verdiana nell'autunno del 1988. Tuttavia, a differenza di quanto accaduto per le altre due strutture, in questo caso non si è ancora provveduto a restituire lo spazio al quartiere. Attualmente l'edificio ospita la sezione dei detenuti in semilibertà.
Bibliografia
dettaglio
Fantozzi 1842, pp. 281-281, n. 63; Fantozzi 1843, p. 210, n. 508; Firenze 1850, pp. 380-381; Limburger 1910, n. 681; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, II, 1977, pp. 254-255; Fantozzi Micali-Roselli 1980, pp. 254-255; Invernizi 2007, I, p. 277, n. 248; Paolini 2009, p. 185, n. 248.
Approfondimenti Silvano Fei, Schede storico bibliografiche e stratigrafiche degli ex complessi carcerari del quartiere di Santa Croce, Firenze, Assessorato all'Urbanistica del Comune di Firenze, 1986; Silvano Fei, Riccardo Carlo Geri, Ex casa di pena di Santa Teresa, in Un'idea per le Murate. Progetti ammessi alla prima fase del Concorso internazionale bandito dal Comune di Firenze, catalogo della mostra (Firenze, ex carcere di Santa Verdiana, 24 settembre-30 ottobre 1988) a cura di Sergio Conti, Milano, Electa, 1988, p. 34; Francesca Carrara, Una visita agli orti della Mattonaia nella città leopoldina, in Francesca Carrara, Valeria Orgera, Ulisse Tramonti, Firenze. Piazza d'Azeglio alla Mattonaia, Firenze, Alinea, 2003, pp. 22-43, pp. 40-41 (Il monastero di Santa Teresa).
Documentazione fotografica carcere, lapide.
Risorse in rete Sul complesso sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla voce Via della Mattonaia su Wikipedia.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 05/11/2009
Data ultima modifica 16/11/2014
Data ultimo sopralluogo 05/01/2009
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Archivi Scala, Bagno a Ripoli (Firenze): L003350, L003351 (vedute di scorcio del prospetto su via della Mattonaia, 1951); L003352, L003353, L003354, L003355 (vedute dei cortili, 1951); L003355, L003356, L003358 (veduta dell'atrio con i ballatoi di accesso alle celle, 1951); L003359, L003360, L003361, L003362, L003363, L003364, L003365, L003366, L003367, L003368, L003369, L003370, L003371, L003372 (vedute degli spazi interni, 1951). Archivio fotografico SBAP, Firenze: 146667, 146668, 146669, 146670 (vedute del prospetto su via della Mattonaia, 1987); 146671, 146672, 146673 (vedute del prospetto su borgo la Croce, 1987).
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini