Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Palazzo Baccelli Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Croce
Ubicazione Via dell'Anguillara 23
Denominazione Palazzo Baccelli
Altre denominazioni Palazzo Gennazzani Baccelli
Affacci via Borgognona 14, via Filippina
Proprietà Sinibaldi, Bardi, Tornaquinci, Baccelli, Bagnoli.
Architetti - Ingegneri Ammannati Bartolomeo.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Nessun dato rilevato.
Note storiche Il grande edificio (quattro assi sviluppati per tre piani e un mezzanino), con forti aggetti seicenteschi, si propone sulla via quasi senza soluzione di continuità con il fronte del palazzo Ginori che lo precede (si veda ai nn. 19-21), a seguito di un intervento di restauro (1981) che ha interessato contemporaneamente le due fabbriche e nel quale non si è reputato necessario staccare cromaticamente le facciate. Messo in relazione con l'attività di Bartolomeo Ammannati (ovvero di un suo più tardo seguace), è sicuramente da considerare una testimonianza importante dell'architettura manierista fiorentina. Ostenta sulla facciata uno scudo con l'arme della famiglia Baccelli (d'azzurro, a due mazze d'arme decussate d'oro, accantonate da quattro pere dello stesso, fogliate di due pezzi di verde), originaria di Peretola, che ne fu proprietaria. Così Marcello Jacorossi (in Palazzi 1972): "Fu in antico dei Sinibaldi, detti anche da Carmignano. Ai primi del XVI secolo lo comprò Bartolo Gualtierotti de' Bardi e da lui pervenne, nel 1534, alla figlia Cassandra, moglie di Giovanni d'Antonio Tornaquinci. Passò quindi al Baccelli da Peretola (consorti dei Mazzinghi) che lo ridussero nella forma attuale". Il palazzo appare nell'elenco redatto nel 1901 dalla Direzione Generale delle Antichità e Belle Arti, quale edificio monumentale da considerare patrimonio artistico nazionale.
Bibliografia
dettaglio
Elenco 1902, p. 252; Limburger 1910, n. 59; Limburger-Fossi 1968, n. 59; Palazzi 1972, p. 227, nn. 438-439; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, I, 1977, p. 64; Cesati 2005, I, p. 32; Paolini 2008, pp. 42-43, n. 44; Paolini 2009, pp. 57-58, n. 54.
Approfondimenti Nessun dato rilevato.
Documentazione fotografica Campo in corso di revisione.
Risorse in rete Nessun dato rilevato.
Codice SBAPSAE FI0171
ID univoco regionale 90480170237
Data creazione 15/08/2008
Data ultima modifica 14/07/2014
Data ultimo sopralluogo 23/06/2009
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Archivio fotografico SBAP: 25919, 25920, 25921 (vedute del prospetto su via dell'Anguillara, 1963); 112629, 112630, 112631, 112632, 112633, 112634 (varie vedute degli esterni dell'edificio chiusi dai ponteggi del cantiere di restauro, 1981).
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini