Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Via Scipione Ammirato Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Extra moenia
Ubicazione Via Scipione Ammirato
Denominazione Via Scipione Ammirato
Altre denominazioni Via Niccolò Tommaseo
Affacci .
Proprietà Comune di Firenze.
Architetti - Ingegneri Ignoto/i.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Nessun dato rilevato.
Note storiche La strada ha come limiti piazza Leon Battista Alberti e, in direzione dei viali e quindi del centro storico cittadino, via Pietro Colletta. Si innestano sul suo tracciato: via Pasquale Villari, via Vespasiano da Bisticci, via Fra Paolo Sarpi, viuzzo delle Canne, via Capo di Mondo, via Giordano Bruno, via Cimabue, via Scialoia. Si tratta di un importante asse viario realizzato al di fuori del circuito dei viali (cioè di quella che era l'ultima cerchia di mura della città) successivamente allo sviluppo urbano determinatosi in questa zona tra la fine dell'Ottocento e i primi del Novecento, in parte erede del progetto di ingrandimento della città redatto da Giuseppe Poggi per far fronte alle esigenze di Firenze Capitale (1865-1871). Tuttavia è da riscontrare come questo specifico tracciato non fosse stato in realtà previsto, dovendosi sviluppare la zona con un assetto a maglie regolari, vivacizzato dalla presenza di alcune piazze con strade limitrofe ad andamento stellare. Il disegno della strada, che in pianta evidenzia una accentuata curvatura nel suo ultimo tratto, fu infatti determinato dal suo seguire il tracciato di quella che era la via ferrata aretina che aveva la sua stazione in prossimità di Porta alla Croce (piazza Cesare Beccaria), la cui soppressione era già stata prevista nel 1866 ma che in realtà fu demolita solo nel 1896, il che aveva determinato l'allineamento di un certo numero di edifici in ragione di questa, poi ovviamente rispettato dal disegno della nuova strada. Dopo essere stata inizialmente intitolata a Niccolò Tommaseo, fu dedicata dal consiglio comunale nella seduta del 31 marzo 1911 allo storico Scipione Ammirato. Originariamente alberata per un lungo tratto, la strada ha dovuto col tempo sacrificare questo verde a favore di sempre più ampie zone di soste per autoveicoli, visto il carattere residenziale della zona con una popolazione cresciuta esponenzialmente soprattutto dopo la seconda guerra mondiale (si tenga presente come lo stradario del 1913 registri lungo l'intero tratto solo 81 abitanti).
Bibliografia
dettaglio
Stradario 1913, p. 127, n. 893; Stradario 1929, p. 106, n. 969; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, I, 1977, pp. 57-58.
Approfondimenti Nessun dato rilevato.
Documentazione fotografica toponomastica, stradario (via).
Risorse in rete Sulla via sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dallo Stradario storico amministrativo del Comune di Firenze disponibile online.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 27/07/2013
Data ultima modifica 07/11/2015
Data ultimo sopralluogo 12/08/2013
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Campo in corso di revisione.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini