Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Casa del monastero di San Pier Maggiore Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Croce
Ubicazione Via Giuseppe Verdi 11
Denominazione Casa del monastero di San Pier Maggiore
Altre denominazioni .
Affacci via de' Pandolfini 8, via delle Badesse
Proprietà monastero di San Pier Maggiore, Fioravanti.
Architetti - Ingegneri Ignoto/i.
Pittori - Scultori - Decoratori Balducci Giovanni, Lucioli Laura.
Uomini illustri Leopardi Giacomo.
Note storiche L'edificio, sviluppato su quattro piani più un volume in soprelevazione, non presenta particolari caratteri architettonici, nonostante sia segnato sul prospetto di via Giuseppe Verdi da un lungo terrazzo ricco di piante che allieta quest'ultimo tratto della via e da un portoncino con incorniciatura in pietra di carattere settecentesco. E' tuttavia da segnalare sia per essere stato in antico di pertinenza del monastero delle monache benedettine di San Pier Maggiore (la cantonata tra via de' Pandolfini e via Giuseppe Verdi non a caso è nota come canto alla Badessa) sia per aver dato dimora a Giacomo Leopardi durante il suo secondo soggiorno in città, nel 1828, e, più a lungo, durante il periodo 1830-1833, come ricordato dalla lapide apposta sulla facciata nel 1901. Sempre attorno a questa data, come attestato da varie carte dell'archivio storico del Comune di Firenze, l'edificio, allora di proprietà del marchese Fioravanti, vide il restauro delle facciate sia dal lato di via Giuseppe Verdi sia da quello di via de' Pandolfini. In prossimità del canto è uno scudo fortemente abraso ma ancora leggibile come segnato da due chiavi decussate, insegna del monastero. Sul lato di via de' Pandolfini è poi un tabernacolo con edicola di carattere cinque seicentesco, caratterizzata da un timpano triangolare spezzato e fornita di lanterna, racchiudente una pittura murale attribuita a Giovanni Balducci, databile alla seconda metà del Cinquecento e raffigurante una Annunciazione. Il tabernacolo, che appunto segnava il confine del monastero benedettino, fu restaurato nel 1994 da Laura Lucioli, su interessamento dell'associazione culturale Il Freccione. Si mostra nuovamente in precario stato di conservazione (soprattutto l'edicola), mentre i fronti dell'edificio sono stati in parte fatti oggetto di un recente restauro con tinteggiatura.
Bibliografia
dettaglio
Bargellini-Guarnieri 1977-1978, IV, 1978, p. 252; Fantozzi Micali-Roselli 1980, pp. 236-237, n. 83; Ciabani 1984, pp. 272-274; Santi 2002, pp. 100-101; Cesati 2005, II, p. 721; Invernizi 2007, II, p. 568, n. 512; Paolini 2008, p. 219, n. 333; Paolini (Benci) 2008, p. 86, n. 28; Paolini 2009, pp. 314-315, n. 444.
Approfondimenti Arnaldo Cocchi, Annunziazione di Maria. Tabernacolo in via delle Badesse, in Notizie storiche intorno antiche immagini di Nostra Donna che hanno culto in Firenze, Firenze, Giuseppe Pellas Editore, 1894, pp. 132-133; Guido Carocci, I Tabernacoli di Firenze, in "Arte e Storia", XXIV, 1905, 7/8, pp. 56-57.
Documentazione fotografica pietrino, lapide, tabernacolo.
Risorse in rete Nessun dato rilevato.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 15/08/2008
Data ultima modifica 20/01/2017
Data ultimo sopralluogo 20/08/2011
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Nessun dato rilevato.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini