Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Via Giuseppe Verdi Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Croce
Ubicazione Via Giuseppe Verdi
Denominazione Via Giuseppe Verdi
Altre denominazioni Via del Diluvio, via delle Stinche, via del Rosaio, via del Fosso
Affacci .
Proprietà Comune di Firenze.
Architetti - Ingegneri Ignoto/i.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Nessun dato rilevato.
Note storiche La strada corre dalla piazza di Santa Croce a via Pietrapiana, dove era il canto alle Rondini. Lungo il tracciato si innestano via dei Lavatoi, via Ghibellina (canto degli Aranci), via Pandolfini (canto alla Badessa) e via dell'Agnolo (canto dei Chierici), via dell'Ulivo e via di San Pier Maggiore. L'attuale denominazione, in ricordo del musicista Giuseppe Verdi (1813-1901), fu deliberata dal consiglio comunale nel febbraio del 1901, a poco meno di un mese dalla morte del compositore e contestualmente al conferimento di una identica titolazione al teatro (già delle Antiche Stinche, poi Pagliano e quindi Cherubini) che ancora oggi segna con la sua presenza un tratto della strada. Precedentemente la via aveva titolazioni diverse in relazione ai vari tratti: dalla piazza di Santa Croce a via dei Lavatoi si chiamava via del Diluvio a rendere conto del fatto che ci si trovava in una delle zone altimetricamente più basse del centro storico e quindi particolarmente vulnerabile in caso di alluvioni (si veda alla casa del Diluvio, sull'angolo con la piazza); da via dei Lavatoi a via Ghibellina prendeva il nome di via delle Stinche (è tuttavia attestata anche la titolazione di via del Rosaio) per la presenza, tra il 1296 e il 1833, dell'edificio destinato a carceri cittadine, dette Stinche per il fatto di aver ospitato nei primi tempi abitanti e difensori di un castello dei Cavalcanti nell'alta Val di Pesa, chiamato appunto Le Stinche e espugnato dalle milizie fiorentine nel 1304. Il canto tra la via e via Ghibellina, detto canto degli Aranci, è documentato ancor prima come canto dei Leoni. L'ultimo tratto era noto come via del Fosso, per via del fossato che correva lungo le penultime mura cittadine, nome che ugualmente si attribuiva, per gli stessi motivi, all'attuale via de' Benci (si veda). Nella pianta di Firenze delineata da Ferdinando Ruggieri nel 1731 il tracciato appare già parzialmente unificato sotto il nomi di via del Diluvio e via del Fosso.
Bibliografia
dettaglio
Stradario 1913, p. 64, n. 457; Stradario 1929, p. 56, n. 514; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, IV, 1978, pp. 251-252; Ciabani 1984, pp. 100-101, 270-274, 278-279.
Approfondimenti Guido Carocci, La Via del Fossi, oggi Giuseppe Verdi, in "L'Illustratore fiorentino", Calendario Storico anno 1909, VI, 1908, pp. 132-134.
Documentazione fotografica toponomastica, stradario (via, canto).
Risorse in rete Sulla via sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla voce Via Verdi (Firenze) su Wikipedia e dallo Stradario storico amministrativo del Comune di Firenze disponibile online.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 07/02/2014
Data ultima modifica 13/03/2017
Data ultimo sopralluogo 21/08/2013
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Campo in corso di revisione.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini