Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Villa Romanelli Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Viale dei Colli
Ubicazione Viale Niccolò Machiavelli 9- 11
Denominazione Villa Romanelli
Altre denominazioni Villa Miller, villa Emmelina
Affacci .
Proprietà Miller, Andrews, Medici Tornaquinci, Romanelli.
Architetti - Ingegneri Roster Giuseppe.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Nessun dato rilevato.
Note storiche "L'edificio, attualmente del tutto nascosto dalla vegetazione, si presentava originariamente di dimensioni più modeste delle attuali: progettato dall'architetto Giuseppe Roster su commissione di un certo signor Miller, era stato inizialmente pensato come stabilimento aperto al pubblico per giochi e intrattenimenti, ovvero come fulcro di quei giardini del Tivoli che precedentemente abbiamo ricordato. Alla dimensione ricreativa faceva chiaro riferimento lo stile adottato, caratterizzato dai tetti a capanna con gronde di legno sagomate a traforo e con facciate dipinte a finte assi di legno verticali e in obliquo, in modo da sintetizzare uno stile tirolese che, nell'intento dei proprietari e del progettista, aveva il compito di estraniare il visitatore dalla dimensione cittadina. Del carattere del luogo (poi acquistato dal marchese Medici Tornaquinci e quindi dall'avvocato Raffaello Romanelli e trasformato in residenza) rende conto la piacevole e pittoresca portineria collocata all'ingresso al numero civico 9" (Paolini). Le maggiori trasformazioni all'immobile originario, così come ricostruito da Francesco Quinterio, furono realizzate al momento della proprietà Medici Tornaquinci con l'intento, appunto, di adattare quello che era un locale pubblico in una vera e propria residenza: fu così eretto un corpo di fabbrica sul retro in sintonia con lo stile della precedente costruzione, con un piano più basso. "L'aspetto pittoresco dell'edificio, accentuato dal ricco, rigoglioso e ben curato giardino, tradisce la sua consistenza in muratura, pur essendo le facciate dipinte dipinte con il tema delle assi di legno verticali ed in obliquo. Sono in legno solo le gronde, i trafori attorno ad esse e così pure tutti i parapetti che girano continui lungo il piano terreno e il primo piano. Le facciate lunghe sono coronate da tre cuspidi a capanna, mentre il lato nord-est è sormontato da una torretta (...). Il giardino è assai ombroso, con ricco bosco di lecci lungo il crinale in direzione di viale Machiavelli: molti gli allori, gli abeti, ampli prati, canneti, platani e un Gingko biloba già di considerevoli dimensioni" (Quinterio).
Bibliografia
dettaglio
Francesco Quinterio in Zangheri 1989, pp. 400-401. Campo in corso di revisione.
Approfondimenti "Ricordi di Architettura. Raccolta di ricordi d'arte antica e moderna e di misurazione di monumenti", V, 1882, fasc. VIII, tavv. V-VI (Villa Miller); Claudio Paolini, Il sistema del verde. Il viale dei Colli e la Firenze di Giuseppe Poggi nell'Europa dell'Ottocento, Firenze, Polistampa, 2004, p. 34.
Documentazione fotografica Campo in corso di revisione.
Risorse in rete Campo in corso di revisione.
Codice SBAPSAE FI1195
ID univoco regionale 90480170140
Data creazione 06/01/2016
Data ultima modifica 26/01/2016
Data ultimo sopralluogo 26/12/2015
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Campo in corso di revisione.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini