Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Palazzo Giuntini Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Maria Novella
Ubicazione Lungarno Amerigo Vespucci 10- 12- 16
Denominazione Palazzo Giuntini
Altre denominazioni Palazzo Poggeschi, albergo la Pace, Hotel Royal de la Paix, Grand Hotel, The St. Regis Firenze
Affacci piazza d'Ognissanti
Proprietà Giuntini, Popoleschi, Modena Passeri Poggeschi, Kraft, Starwood Hotels & Resortes.
Architetti - Ingegneri Brunelleschi Filippo, Francolini Felice, Del Noce Giuseppe, Bracci Egisto, Giusti Ugo, Baudille Domenico.
Pittori - Scultori - Decoratori De Matteis Ulisse, Giovannozzi Ezio.
Uomini illustri Stanford Leland.
Note storiche In questo luogo esisteva in antico un edificio della famiglia Giuntini, secondo Giorgio Vasari eretto su progetto di Filippo Brunelleschi, rimasto della proprietÓ della famiglia fino al Settecento, quando venne ceduto ai Popoleschi. Al momento dell'apertura dell'attuale lungarno e dell'urbanizzazione del nuovo quartiere delle Cascine l'immobile, che risultava di proprietÓ Modena Passeri Poggeschi, fu oggetto di un complesso intervento di riduzione e ristrutturazione (si vedano i molti disegni conservati presso l'Archivio storico del Comune di Firenze relativi alle procedure di esproprio curate dagli architetti Felice Francolini e Giuseppe Del Noce) su progetto dell'architetto Egisto Bracci (allora alle dipendenze di Giuseppe Del Noce), tanto da risultarne completamente stravolto, anche per il rialzamento del piano della piazza e delle vie limitrofe. L'edificio attuale Ŕ quindi da considerare una costruzione della seconda metÓ dell'Ottocento (1855 circa), fin dall'origine pensata come struttura alberghiera (si veda l'estensione del lato che guarda l'Arno, di ben undici assi) destinata all'elite internazionale e originariamente denominata Hotel Royal de la Paix. Nel 1897 l'la struttura pass˛ sotto la guida dell'albergatore di origine svizzera GÚrard Kraft (dal 1883 giÓ proprietario del vicino Hotel d'Italie) che intraprese migliorie e ampliamenti (a questo periodo risale il quarto piano) e cambi˛ nome in Grand Hotel. Nel 1957, infine, l'albergo fu acquistato dalla Cigahotel e sottoposto a lungo restauro tra il 1974 e il 1986. Di rilievo, negli spazi interni, il giardino d'inverno, con un porticato su due lati e un ballatoio, coperto da un lucernario in ferro e vetrate in stile Art DÚco, e un bel pavimento mosaicato, il tutto realizzato tra il 1922 e il 1923 su progetto dell'architetto Ugo Giusti con la collaborazione della bottega di Ulisse De Matteis per le vetrate (altre vetrate furono realizzate fra il 1925 e il 1927 da Ezio Giovannozzi, direttore artistico della stessa bottega De Matteis). E ancora il Salone delle feste, ispirato alla Sala Bianca di palazzo Pitti, con profusione di stucchi. In questo albergo morý nel 1870 il principe indiano Rajaram Chuttraputti marajah di Kolhapur (noto per essere stato secondo il rito braminico cremato alla confluenza di due fiumi, in questo caso l'Arno e il Mugnone, dove Ŕ ancora in sua memoria un monumento eretto nel 1874). Vi morý anche il giovane studente californiano Leland Stanford il 13 marzo 1884, in memoria del quale i genitori fondarono l'UniversitÓ che porta il suo nome. A ricordare il fatto Ŕ sul lato del lungarno una memoria qui posta nel 1907 dai laureandi dell'UniversitÓ. Tra gli ultimi mesi del 2010 e i primi del 2011 l'edificio Ŕ stato sottoposto a importanti lavori di manutenzione straordinaria (compresi gli interventi di ritinteggiatura delle facciate) su progetto e direzione dei lavori dell'ingegnere Domenico Baudille. Dal maggio 2011 l'albergo ha assunto la denominazione di The St. Regis Firenze.
Bibliografia
dettaglio
Illustratore (1911) 1910, p. 50; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, II, 1977, p. 342; IV, 1978, p. 259; Salvadori Guidi 1996, p. 15, n. 16; Cesati 2005, II, p. 430; Cesati (Piazze) 2005, p. 151; Invernizi 2007, II, p. 569, n. 513.
Approfondimenti Grand Hotel, in Firenze Elegante, Milano, The Artistic International Advertising Co. Editrice, 1898; Marco Dezzi Bardeschi, Bracci Egisto, in Dizionario Biografico degli Italiani, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, XIII, 1971, ad vocem; Antonio Ugolini, Le vetrate artistiche a Firenze fra Ottocento e Novecento. Guida e itinerari, Edifir, 2002, p. 25; Silvia Ciappi, Vetro e vetrate a Firenze, in La grande storia dell'artigianato, VI, Il Novecento, a cura di Gloria Fossi, Firenze-Milano, Giunti Editore, 2003, pp. 102-131.
Documentazione fotografica Campo in corso di revisione.
Risorse in rete Sull'edificio sono vari file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla voce Palazzi di Firenze su Wikipedia, dal sito promosso dal Comune di Firenze relativo agli esercizi storici del territorio e dal sito ufficiale dell'Hotel, con ampia galleria fotografica.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 05/05/2011
Data ultima modifica 17/09/2017
Data ultimo sopralluogo 31/10/2015
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Archivi Alinari, Firenze: AVQ-A-003862-0020 (veduta d'insieme della piazza con il prospetto del palazzo dal lato del lungarno, 1865 circa); ACA-F-055765-0000 (veduta d'insieme della piazza con il prospetto del palazzo dal lato del lungarno, 1965 circa). Archivio fotografico SBAP, Firenze: 34344 (veduta parziale del prospetto dal lato del lungarno, 1967); 99084 (veduta d'insieme del prospetto dal lato del lungarno, 1979); 99085, 99086, 99087 (vedute d'insieme del prospetto dal lato della piazza, 1979).
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini