Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Palazzo della Questura Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere San Giovanni
Ubicazione Via Zara 2
Denominazione Palazzo della Questura
Altre denominazioni .
Affacci via Duca d'Aosta, via Bonifacio Lupi
Proprietà Provincia di Firenze, demanio dello Stato (bene in uso alla P.A. Centrale).
Architetti - Ingegneri Brizzi Raffaello, Mass Giovanni.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Nessun dato rilevato.
Note storiche La storia dell'attuale edificio ha origine nel 1928 con l'acquisto, da parte dell'Amministrazione Provinciale, del palazzo dell'Ospedale di Bonifazio o Bonifacio (si veda a via San Gallo 83) che occupava questa area e che, ristrutturato e ampliato, venne destinato ad uffici della stessa Provincia, tra i quali il Provveditorato agli Studi, l'Ufficio tecnico del Catasto e il Comando Generale dell'ottava zona. Nel 1938 la struttura fu individuata per ospitare la nuova sede della Regia Questura, fino ad allora sita in via Santa Reparata, anche tramite la costruzione di un nuovo edificio ad occupare un'ampia area limitrofa giÓ occupata dalla clinica oculistica dell'ospedale. I lavori, su progetto dell'architetto Raffaello Brizzi e con la direzione tecnica dell'ingegnere Giovanni Mass, durarono dal febbraio 1939 al 1946, e portarono a definire un grande edificio che Ŕ da considerare rappresentativo dell'architettura razionalista degli anni trenta in Italia. Il palazzo presenta una pianta ad U che, collegandosi all'antico corpo di fabbrica dell'Ospedale di Bonifacio, determina un'ampia corte interna alla quale si accede, oltre che dall'ingresso principale di via Zara, da due ingressi carrabili posti sulle ali laterali. I fronti esterni si caratterizzano per il trattamento a intonaco dove sono elementi di finitura in calcestruzzo armato e pietra serena, cornici a porte e finestre, comunque con un disegno di insieme di estrema semplicitÓ e rigore. Unica emergenza Ŕ il portone su via Zara, sormontato da un balcone balaustrato e inquadrato da due pilastri trattati a finto bugnato.
Bibliografia
dettaglio
Nessun dato rilevato.
Approfondimenti Bonifazio in San Gallo, dallo Spedale alla Questura. Un palazzo e i suoi seicento anni di storia, scritti di Anna M. Zandri, Cristina Acidini Luchinat, Stefano Francolini, elaborati grafici di Alessandro Bini, Firenze, Questura di Firenze, 1988; Anna M. Zandri, Cristina Acidini Luchinat, Stefano Francolini, Lo spedale di messer Bonifazio, Firenze, Le Monnier 1989.
Documentazione fotografica Campo in corso di revisione.
Risorse in rete Sull'edificio sono alcuni file multimediali reperibili su rete telematica, a partire dalla banca dati delle Architetture del 900 in Toscana (realizzata dalla Fondazione Michelucci e resa disponibile dalla Regione Toscana nel proprio sito).
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 26/02/2009
Data ultima modifica 14/07/2014
Data ultimo sopralluogo 20/10/2009
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Campo in corso di revisione.
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini