Home Il progetto Ricerca nel Repertorio Piante e Vedute Temi e Itinerari Indici Link Crediti Contatti
Ricerca nel Repertorio
Denominazione Modulo di ricerca
Ubicazione
Proprietà
Architetti - Ingegneri
Pittori - Scultori - Decoratori
Uomini illustri
Testo
Per ottimizzare la ricerca è consigliabile digitare una sola parola chiave per campo (es.: Bardi, anziché via de’ Bardi).
Per ulteriori suggerimenti si veda a:


Struttura della banca dati
 
Scheda Palazzo della Società Cattolica d'Assicurazione Torna ai risultati della ricerca
Versione stampabile della scheda
Quartiere Santa Maria Novella
Ubicazione Via Calimala 2
Denominazione Palazzo della Società Cattolica d'Assicurazione
Altre denominazioni Palazzo dei Grandi magazzini Catastini, palazzo Catastini
Affacci via Porta Rossa, via de' Lamberti, via dell'Arte della Lana
Proprietà Catastini, Società Cattolica d'Assicurazione.
Architetti - Ingegneri Boccini Giuseppe.
Pittori - Scultori - Decoratori Nessun dato rilevato.
Uomini illustri Palazzeschi Aldo (Aldo Giurlani), Marinetti Filippo Tommaso, Boccioni Umberto, Carrà Carlo, Soffici Ardengo, Papini Giovanni.
Note storiche Il grande palazzo (sette assi per quattro piani) sorge nella zona già segnata da antiche case delle famiglie Cavallereschi e Borromei, e risulta eretto su progetto dell'architetto Giuseppe Boccini nel 1892 come sede dei Grandi magazzini proprietà di Silvio Catastini. Nel 1921 fu acquistato dalla Società Cattolica d'Assicurazione. L'edificio si distingue dalle coeve architetture neocinquecentesche (si veda anche in questo caso la presenza del bugnato angolare e l'immancabile alternanza di mensole e timpani triangolari e curvi nelle cornici delle molte finestre) per l'intervento pittorico a monocromo che si dispiega su tutti i fronti, a fingere una decorazione a graffito. Nonostante il riferimento a una tecnica antica e tradizionale, non vi è qui l'intento di riproporre modelli rinascimentali ma, pur citando sfingi, grifi e mascheroni di eco manierista, di esprimere una sensibilità chiaramente tardo ottocentesca, particolarmente evidente nelle coppie di genietti alati intenti a suonare vari strumenti musicali, proprie del gusto del tempo. Notevole, inoltre, la qualità esecutiva del disegno, che sembra riportare su grande scala le finezze proprie di una incisioni a bulino. Qui abitò, nei primi decenni del Novecento, Aldo Palazzeschi con la sua famiglia e qui, nel 1913, su invito del giovane poeta, avvenne la riconciliazione tra gli scrittori fiorentini e i futuristi milanesi dopo l'esposizione organizzata da "Lacerba" in via Cavour 48, presenti nel salotto di casa Filippo Tommaso Marinetti, Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Ardengo Soffici e Giovanni Papini.
Bibliografia
dettaglio
Palazzi 1972, p. 81, n. 142; Bargellini-Guarnieri 1977-1978, I, 1977, p. 166; Cresti-Zangheri 1978, p. 32; Pecchioli 2005, pp. 216-221; Cecconi 2009, p. 144.
Approfondimenti Nessun dato rilevato.
Documentazione fotografica pittura.
Risorse in rete Nessun dato rilevato.
Codice SBAPSAE .
ID univoco regionale .
Data creazione 15/08/2008
Data ultima modifica 14/07/2014
Data ultimo sopralluogo 19/08/2010
Autore della scheda Claudio Paolini.
Tags Archivi Alinari, Firenze: APA-F-005909-0000 (veduta angolare della parte basamentale dell'edificio con le vetrine dei Grandi magazzini Catastini, 1903); APA-F-005809-0000 (veduta angolare della parte basamentale dell'edificio con le vetrine dei Grandi magazzini Catastini, 1905 circa); CAL-F-004494-0000 (veduta d'insieme dell'edificio in scorcio, 1996).
Localizzazione
architetture@palazzospinelli.org note tecniche e legali
 
Copyright © 2011 - 2015 Palazzo Spinelli - Associazione No Profit
Copyright © 2011 - 2015 Claudio Paolini